vocisullaluna

se esiste il senso della realtà deve esistere il senso della possibilità

Ogni caso

Dice Wyszlawa Szymborska: Poteva accadere/doveva accadere/E’ accaduto prima. Dopo./ Più vicino. Più lontano./ E’ accaduto non a te./(…) Dunque ci sei? Dritto dall’attimo ancora socchiuso?/ La rete aveva solo un buco, e tu proprio da li?/ Non c’è fine al mio stupore, al mio tacerlo./ Ascolta/come mi batte forte il tuo cuore.

La poesia si intitola ‘Ogni caso’. Una fila di ossimori che camminano in fila indiana. Piccoli ma tenaci come formiche. E il poeta guarda. Guarda l’attimo. Non può non attestare che quella cosa è andata così, ma poteva essere diversamente. Occorre conservare il come anche se non si sa il perché. Ma il come è un’incarnazione. Che possiamo solo osservare. E per vincere le contraddizioni meditarlo quel come. La poesia nasce proprio dalla selezione di quella cosa che poteva essere altra ma è andata così. La poesia attesta questo anche se è libera di  immaginare e dire l’opposto. Prova a completare, sapendo che non completerà mai. Ma esiste per farlo

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: